mask

mask

martedì 29 maggio 2012

AVVISO AI NAVIGANTI



Joshua Slocum, il primo uomo a circumnavigare il globo nel 1895, sosteneva che sotto costa si evita la corrente. 
Si è arenato sui fondali di Castillo Chicos, un errore che l'ha catapultato in una situazione drammatica. 
Nelle operazioni di salvataggio dello Spray, la sua barca, si è rovesciato con il dinghy tra i marosi rischiando anche di affogare.
E' difficile da credere ma Joshua Slocum non sapeva nuotare!
Vito Dumas, che ha fatto il giro del mondo in solitario nel 1942, sosteneva che per sfuggire alle depressioni bisognava mettere fuori tutta la tela.
Il risultato lo si legge nelle pagine del diario di bordo del Legh II, la sua barca, che sembrano le pagine dell'inferno di Dante.
“Uno schianto terribile...ho la sensazione che la barca stia affondando...un torrente d'acqua entra attraverso boccaporto della tuga...il Legh è sconquassato...alcune paratie sono state divelte...non esito un istante a lasciare che la barca vada da sola con tutte le vele spiegate al vento del Sud...sono convinto che possa difendersi da qualsiasi mare...”
Secondo me ha pensato anche: “Magari se do una mano alla randa e riduco il fiocco...” ma non l'ha mai fatto per non smentirsi da solo.
In ogni caso è stato lui a coniare la celebre frase: L'immaginazione non è sufficiente per descrivere la spaventosa realtà che sto vivendo.
Francis Chichester, partito da Plymouth nel 1966 dove è tornato tornato dopo 266 giorni di navigazione fermandosi solo a pisciare in Australia, viene investito da una burrasca il 30 gennaio del 1967. 
Ammaina tutte le vele ma è stanco e sofferente anche a causa dello Champagne (di cui era ghiotto) bevuto con gli amici prima della partenza dall'Australia.
Queste le pagine dal diario di bordo del Gipsy Moth, la sua barca: “Sapevo che avrei dovuto passare un paio di cavi sopra la rete che conteneva i due genoa in coperta...ma mi sentivo orribilmente...fatto sta che ebbi la debolezza di rimandare il lavoro al mattino seguente...poi cominciò un gran fracasso di cose e la scuffia...i genoa se n'erano andati.”
Ce la fece comunque.
Eric Tabarly, vincitore di due Ostar e con un paio di giri del mondo alle spalle, sosteneva che a un buon marinaio basta l'equilibrio.
Diceva sempre che: “Legarsi da una falsa sicurezza. Chi non sa stare in equilibrio non è degno di stare su una barca.”
E' caduto in acqua dal suo Pen Duick I nel 1998 mentre andava dalla Cornovaglia alla Scozia per partecipare ad un raduno di barche d'epoca e il suo corpo è stato ritrovato alcuni giorni dopo a largo delle coste irlandesi.
Bernard Moitessier, il più fuori di tutti, quello della foto in alto, che ha oltrepassato vittorioso il traguardo del giro del mondo e ha tirato dritto salutando tutti per non tornare mai più, aveva invece qualche problema con il carteggio.
Si è schiantato sugli scogli delle Chagos con il Marie Thèrese nel 1952 per un errore di rotta, poi è riuscito a costruirsi il Marie Thèrese II facendo i lavori più umili ma l'ha persa nel Mar delle Antille nel 1958 per una disattenzione.
Dal diario di bordo del Marie: “carico la suoneria della sveglia...se dovessi addormentarmi mi avvertirebbe...quanto avrò dormito?...non potrei dirlo perché la sveglia non aveva avuto ragione del mio torpore...il Marie Thèrese II, su uno scoglio, vedeva la sua coperta spazzata da un'ondata...era la fine...”
Nel 1963 perde anche una terza barca, Joshua, sorpreso da un ciclone mentre fa colazione in rada davanti a Capo San Lucas.
Quest'uomo sopravviveva mangiando i biscotti per cani di una ditta americana perché diceva che erano buonissimi e non costavano un cazzo.
Forse il primo esempio di sponsorizzazione, anche se inconscia.
Io, che fatto la traversata da Umago a Lignano Sabbiadoro assieme a mio cugino sotto un diluvio universale e con cinquanta nodi di vento, sostenevo che non ce l'avremmo mai fatta, ma mi sono dovuto ricredere perché ho scoperto che basta ridurre le vele, legarsi bene da qualche parte, non bere alcolici prima della partenza, non sbagliare la rotta ed evitare di navigare sotto costa.
Grazie ragazzi.

Nessun commento:

Posta un commento