mask

mask

lunedì 24 dicembre 2012

Babbo Natale senza denti







e pace agli uomini senza volontà






mercoledì 12 dicembre 2012

giovedì 29 novembre 2012

Antica Fiera Indigesta









“Occorre essere attenti per essere padroni di sé stessi, occorre essere attenti...”




















lunedì 5 novembre 2012

Breathless Next Time You Fall








Ti ho amato per allora e per quello che ancora vedo in te
Stiamo perdendo tempo in attesa di quel giorno
La prossima volta che cadrai mi limiterò a lasciarti lì 

Non ti sto aiutando per nulla






giovedì 1 novembre 2012

Bauhaus - All we ever wanted





All we ever wanted was everything 
All we ever got was cold 
Get up, eat jelly 
Sandwich bars, and barbed wire 
Squash every week into a day 

The sound of drums is calling 
The sound of the drum has called 
Flash of youth shoot out of darkness 
Factorytown 

Oh to be the cream 






martedì 16 ottobre 2012

E RIDIAMO



La profezia è spenta
la poesia è muta
la musica un urlo...

Dio non c'è nel nuovo Caos:
non più lo Spirito
si libra su questi abissi
a guidare l'esodo
verso le nuove Forme:

La Bellezza è stata sconfitta!

Siamo tutti sul palco
straccioni
sporchi
insanguinati!

E ridiamo



Non è Jim Morrison, è Padre Turoldo.







sabato 13 ottobre 2012




                                                                                                        






mercoledì 10 ottobre 2012

Pronti! Attenti! Via!





"Pronti!"

"No."

"Attenti!"

"Ma a cosa?"

"Via!"

"Rilassati, amico."






mercoledì 3 ottobre 2012

venerdì 28 settembre 2012

Adrian Borland - Walking In The Opposite Direction








Te lo dico subito, non mi lascio influenzare. Sto camminando nella direzione opposta. 






giovedì 27 settembre 2012






Se sai bene ciò che fai
La felicità sarà sempre raggiungibile
Se non sai quello che vuoi
L’infelicità sarà spesso incomprensibile

Marlene Kuntz





mercoledì 19 settembre 2012






E mai che mi sia venuto in mente di essere più ubriaco di voi.
Di essere molto più ubriaco di voi.







lunedì 17 settembre 2012

ON A MYSTIKAL MODEL! ONA KASCE DA!



il pezzo più coverizzato della storia








lunedì 3 settembre 2012

ADRIAN BORLAND WINNING




He died later on that morning by throwing himself in front of a train at Wimbledon tube station. 
He was aged 41.

venerdì 31 agosto 2012


C'è un tizio che se gli mandi un sms con su scritto: Tuo Nome, Suo Nome seguiti da: Love lui ti dice  se puoi sposarti tranquillo o se ti stai infilando in una fogna.
Però devi scrivere: Tuo Nome, non come ti chiami.
E: Suo Nome, non come si chiama lei.
Altrimenti è troppo specifico e c'è il rischio che non funzioni.

sabato 7 luglio 2012

ansie genetiche



Traduzione: vietato l'accesso.


Io l'ho sempre detto che i crucchi sono geneticamente ansiosi, non c'è nulla da fare.









mercoledì 20 giugno 2012

ATTENTO CON QUELL'ASCIA, EUGENIO



Careful with that axe,
Eugene

Il titolo più geniale della storia del rock, anche perché nessuno ha mai saputo chi cazzo fosse Eugenio e cosa stesse facendo con quell'ascia.
Infatti il testo è abbastanza criptico e fa così:

Down, down. Down, down. 
The star is screaming.
Beneath the lies. 
Lie, lie. 
Tschay, tschay, tschay.


[sound of Waters blowing into the microphone]
[light screaming from Waters]


Careful, careful, careful with that axe, Eugene.


[very loud and prolonged scream]
[another very loud and prolonged scream]
[Waters blowing into the microphone]
[light screaming from Waters]


The stars are screaming loud.
Tsch.
Tsch.
Tsch.


[low groaning sound from Waters]



benedetti acidi lisercici...









martedì 12 giugno 2012

martedì 29 maggio 2012

AVVISO AI NAVIGANTI



Joshua Slocum, il primo uomo a circumnavigare il globo nel 1895, sosteneva che sotto costa si evita la corrente. 
Si è arenato sui fondali di Castillo Chicos, un errore che l'ha catapultato in una situazione drammatica. 
Nelle operazioni di salvataggio dello Spray, la sua barca, si è rovesciato con il dinghy tra i marosi rischiando anche di affogare.
E' difficile da credere ma Joshua Slocum non sapeva nuotare!
Vito Dumas, che ha fatto il giro del mondo in solitario nel 1942, sosteneva che per sfuggire alle depressioni bisognava mettere fuori tutta la tela.
Il risultato lo si legge nelle pagine del diario di bordo del Legh II, la sua barca, che sembrano le pagine dell'inferno di Dante.
“Uno schianto terribile...ho la sensazione che la barca stia affondando...un torrente d'acqua entra attraverso boccaporto della tuga...il Legh è sconquassato...alcune paratie sono state divelte...non esito un istante a lasciare che la barca vada da sola con tutte le vele spiegate al vento del Sud...sono convinto che possa difendersi da qualsiasi mare...”
Secondo me ha pensato anche: “Magari se do una mano alla randa e riduco il fiocco...” ma non l'ha mai fatto per non smentirsi da solo.
In ogni caso è stato lui a coniare la celebre frase: L'immaginazione non è sufficiente per descrivere la spaventosa realtà che sto vivendo.
Francis Chichester, partito da Plymouth nel 1966 dove è tornato tornato dopo 266 giorni di navigazione fermandosi solo a pisciare in Australia, viene investito da una burrasca il 30 gennaio del 1967. 
Ammaina tutte le vele ma è stanco e sofferente anche a causa dello Champagne (di cui era ghiotto) bevuto con gli amici prima della partenza dall'Australia.
Queste le pagine dal diario di bordo del Gipsy Moth, la sua barca: “Sapevo che avrei dovuto passare un paio di cavi sopra la rete che conteneva i due genoa in coperta...ma mi sentivo orribilmente...fatto sta che ebbi la debolezza di rimandare il lavoro al mattino seguente...poi cominciò un gran fracasso di cose e la scuffia...i genoa se n'erano andati.”
Ce la fece comunque.
Eric Tabarly, vincitore di due Ostar e con un paio di giri del mondo alle spalle, sosteneva che a un buon marinaio basta l'equilibrio.
Diceva sempre che: “Legarsi da una falsa sicurezza. Chi non sa stare in equilibrio non è degno di stare su una barca.”
E' caduto in acqua dal suo Pen Duick I nel 1998 mentre andava dalla Cornovaglia alla Scozia per partecipare ad un raduno di barche d'epoca e il suo corpo è stato ritrovato alcuni giorni dopo a largo delle coste irlandesi.
Bernard Moitessier, il più fuori di tutti, quello della foto in alto, che ha oltrepassato vittorioso il traguardo del giro del mondo e ha tirato dritto salutando tutti per non tornare mai più, aveva invece qualche problema con il carteggio.
Si è schiantato sugli scogli delle Chagos con il Marie Thèrese nel 1952 per un errore di rotta, poi è riuscito a costruirsi il Marie Thèrese II facendo i lavori più umili ma l'ha persa nel Mar delle Antille nel 1958 per una disattenzione.
Dal diario di bordo del Marie: “carico la suoneria della sveglia...se dovessi addormentarmi mi avvertirebbe...quanto avrò dormito?...non potrei dirlo perché la sveglia non aveva avuto ragione del mio torpore...il Marie Thèrese II, su uno scoglio, vedeva la sua coperta spazzata da un'ondata...era la fine...”
Nel 1963 perde anche una terza barca, Joshua, sorpreso da un ciclone mentre fa colazione in rada davanti a Capo San Lucas.
Quest'uomo sopravviveva mangiando i biscotti per cani di una ditta americana perché diceva che erano buonissimi e non costavano un cazzo.
Forse il primo esempio di sponsorizzazione, anche se inconscia.
Io, che fatto la traversata da Umago a Lignano Sabbiadoro assieme a mio cugino sotto un diluvio universale e con cinquanta nodi di vento, sostenevo che non ce l'avremmo mai fatta, ma mi sono dovuto ricredere perché ho scoperto che basta ridurre le vele, legarsi bene da qualche parte, non bere alcolici prima della partenza, non sbagliare la rotta ed evitare di navigare sotto costa.
Grazie ragazzi.

venerdì 25 maggio 2012

lunedì 21 maggio 2012

il mio epitaffio sarà: CONFUSIONE



febbre e starnuti sotto terra che tolgono il sonno e pioggia a secchiate...in un giorno di novembre...che cade di maggio...e poi ancora starnuti, confusione e pioggia...un lunedì senza fine...per l'orco che si mangia la ragazzina...per il re che cade dal trono...per tutti noi che stiamo a guardare...
sono le regole del topo...un debito d'ossigeno...una coperta blu notte...un altro  sforzo...
...sempre più grande... 
...per non arrendersi ancora.

lunedì 7 maggio 2012

DiVersi


La risposta è complessa, ma può agglomerarsi, credo, in un solo nodo e in un solo nome: la coscienza e l'angoscia dell'essere diviso, dell'essere soltanto una parte dell'unità che, dal momento del concepimento, non è più esistita; insomma, la coscienza e l'angoscia dell'essere nati e della solitudine che fatalmente ne deriva.
La solitudine, questa cagna orrenda e famelica che ci portiamo addosso da quando diventiamo cellula individua e vivente e che pare privilegiare coloro che, con un aggettivo turpe e razzista, si ha l'abitudine di chiamare "diversi".

(Giovanni Testori)




domenica 6 maggio 2012

che c'ho pure il volantino


Mi suonano al campanello e vado a rispondere al citofono.
“Buongiorno signor ......., sono contento di trovarla a casa. Sto contattando i miei concittadini...che c'ho pure un volantino. Secondo lei, con tutto quello che sta succedendo, il mondo finirà un giorno?”
“Credo proprio di sì?” gli gli rispondo.
“Con tutto quello che sta succedendo...basta guardare i telegiornali...secondo lei il mondo finirà un giorno?”
“Mi scusi, ma lei va in giro a suonare i campanelli per chiedere se il mondo finirà un giorno? E quale giorno? Non esiste un ufficio comunale per le informazioni sulla fine del mondo?”
“Con tutto quello che succede...se mi fa salire le spiego meglio che c'ho anche il volantino, Signor ….....”
“Senti amico, come ti chiami?” gli chiedo.
“Corrado.”
“Bene Corrado, sappi che non ti farei salire nemmeno se tu mi morissi davanti alle casette della posta. Ti auguro un buon week end. Ciao.”
“Grazie. Arrivederla signor …....”

…che poi io a questa gente gli voglio un bene immenso....

Piove, Corrado ladro.

venerdì 4 maggio 2012

GLI ULTIMI RANTOLI DI UN ANARCHICO AL CESSO



Dalla data odierna mi dichiaro ufficialmente: anarchico, apolide, nomade, rom, beduino del deserto.
Dalla data odierna mi dichiaro ufficialmente: latitante, contumace, profugo, rifugiato politico.
Dalla data odierna dichiaro ufficialmente che non aprirò più la porta a nessuno che parli il mio stesso idioma.
Dalla data odierna dichiaro ufficialmente che non andrò mai più a votare e che è inutile che mi spediate gli atti giudiziari a casa perché mi ci pulisco il culo.
Dalla data odierna mi licenzio ufficialmente da “italiano” e se trovo qualcuno che mi affitta un faro in disuso vado a vivere ad ottanta metri dal suolo armato di balestra. 
Se si avvicina un mio connazionale gli sparo in mezzo agli occhi.
Non è carino da dire, ma io vi odio a voi italiani.
Ma vi odio tanto, minchia.
Il problema è che sono italiano anch'io e di conseguenza finisco per non essermi nemmeno io tanto simpatico, e questo nonostante la granitica autostima che mi ha sempre contraddistinto caratterialmente proteggendomi dalle cimici e dai malintenzionati.
Stamattina faticavo ad andare di corpo e nell'attesa mi sono chiesto: perché devo starmi sul cazzo da solo per colpa di chi assalta le diligenze, di chi sa che esiste il Burlesque solo perché gliel’ha detto Ghedini, di chi ti dice che ama il Rock & Roll e che c'ha pure il chiodo e la spilletta degli Europe, di chi spacca la bocca a ragazzine inermi schiacciate dalla paura su un muro imbrattato di sangue con la divisa addosso, di una crucca inamovibile come un plinto di cemento armato che ci sta facendo sudare quattro camice perché ha uno scomparto del frigo vuoto e vuole che glielo riempiamo con la nostra roba, di ballerine, di bocchinare, di tirapiedi, di falsari, di gente che paga la mafia perché non metta le mani sul culo alla figlia quando esce da scuola, di professori che se andassero un po' a puttane pure loro gli farebbe solo bene, di gente che si impicca alla ringhiera di Equitalia...
E perché?
Perché?” mi chiedevo mentre cercavo di cagare.
So che è una domanda che non può avere risposta, eppure è sempre la prima che mi viene quando faccio fatica ad andare di corpo.
(qualcuno potrà dire: finché pensi alla Merkel mentre caghi è ovvio che ti viene la stipsi, ed ha ragione)

E se mi chiedi: “Ma chi ti credi di essere? Credi di essere migliore degli altri?”
SI' PORCA DI UNA TROIA!”
Se gli altri sono questi io sono migliore!



domenica 29 aprile 2012

Fiorella Mannoia~Cercami (HD) English Translation

06:39:51






Questo letto è un aeroplano,
ti prego voliamo via,
lontano, molto lontano
dalla nostra agonia,
via dalle rotte solite delle mie depressioni,
qualcuno abbatta questi angeli,
hanno rotto i coglioni.

(Giorgio Canali) 






mercoledì 25 aprile 2012

Nick Cave and the Bad Seeds - Wonderful Life







Vieni, bambina, attraverso questi campi viola. Il sole è sceso dietro di te, attraverso questi campi viola. Quell'idiota in un angolo sta dicendo verità deviate. Dai, ammettilo, bambina, è una vita meravigliosa. Se ti è permesso trovarla e se la trovi.       E' una vita meravigliosa che puoi solo prendere, è una cosa meravigliosa.
E' una vita meravigliosa.
Spargi il nostro segreto nelle tue mani e tienilo stretto, immergile nell'acqua e annega nel mare. Non ci sarà nulla tra di noi, bambina, oltre all'aria che respiriamo. Non piangere, è una vita meravigliosa, una vita meravigliosa. Se ti è permesso trovarla e se la trovi. E' una vita meravigliosa che puoi solo prendere, è una cosa meravigliosa.
E' una vita meravigliosa.
Siamo in grado di costruire le nostre prigioni in aria, di sederci e piangere la nostra malinconia. Siamo in grado di calpestare il mondo intero con i chiodi sotto le suole. Siamo in grado di unirci a questo coro inquieto che critica e accusa.
Non importa molto, non abbiamo niente da perdere.
Ma questa vita è meravigliosa Se ti è permesso trovarla e se la trovi. E' una vita meravigliosa che puoi solo prendere, una cosa meravigliosa.                                                   E' una vita meravigliosa.
A volte i segreti sono tutto quello che abbiamo, e dobbiamo difenderli con le nostre vite. A volte l'aria tra di noi, bambina, è insopportabilmente sottile. A volte è opportuno mettersi i guanti.
E smettila di dare solamente.
Entra, entra in questa vita meravigliosa.
Se ti è permesso trovarla e se la trovi.
E' una vita meravigliosa che puoi solo prendere, una cosa meravigliosa.
E' una vita meravigliosa.

venerdì 20 aprile 2012